Archive of ‘Torte salate’ category

Arrosto veg di funghi e frutta secca

Arrosto top

Qualora in questi giorni pianificaste il menu natalizio e vi scervellaste su quale portata principale servire a tavola, dovreste puntare proprio su questa ricetta! L’arrosto fatto di funghi e frutta secca è un misto di prelibatezza, salute e semplicità: porta meravigliosi profumi di bosco, è ben condito con tante erbe aromatiche, e lascia sazi e soddisfatti sia vegani sia carnivori convinti. Il segreto di un arrosto perfetto al 100% vegetale è il riso Venere, che lo rende ancora più aromatico.

Se vi posso dare un consiglio, preparate questa magnifica portata con qualche ora di anticipo, in quanto si taglia bene solo una volta ben raffreddato e solidificato (se deciderete di servirlo riscaldato, ricordatevi di coprire la teglia con carta stagnola, altrimenti rischiate di bruciarlo). Servitelo accompagnato con semplici verdure arrosto, patate dolci, insalate, come per esempio quella di cavolo viola o cavolo riccio. 
È ottimo se ricoperto con frutti rossi, ma in alternativa potete usare altra frutta secca, pomodorini ciliegini essiccati o, molto più semplicemente, servirlo con una salsa o con un pesto, magari di cavolo nero. Guardate la ricetta per i dettagli.

Ingredienti:
2 bicchieri di riso Venere cotto
20 gr di funghi porcini secchi, lasciati ad ammollare per 2 ore in acqua calda
100 gr di frutti rossi essiccati, lascati a reidratare in acqua calda.
½ bicchiere di noci
½ bicchiere di mandorle
½ bicchiere di noci pecan
½ bicchiere di semi di girasole
½ bicchiere di semi di zucca
6 cucchiai di olio
1 cipolla rossa di Tropea, a cubetti
2 rametti di rosmarino
2 foglie di alloro
1 cucchiaino di timo
1 cucchiaino di maggiorana
½ cucchiaino di coriandolo in polvere
½ cucchiaino di noce moscata
¼ di cucchiaino di curcuma in polvere
scorza grattugiata di ½ limone
sale qb
pepe nero qb
peperoncino qb
4 cucchiai di salsa di soya
3 cucchiai di farina di ceci (in alternativa, 3 cucchiai di semi di lino macinati)

Procedimento:
Tostate separatamente la frutta oleosa per 1 – 2 minuti sul fuoco molto basso (prestate attenzione a non bruciarla), quindi sminuzzatela il più possibile con un coltello o lavoratela in un macinatutto fino a ottenere pezzi grossolani.
Scaldate bene una padella antiaderente, versate l’olio, aggiungete la cipolla tagliata a cubetti, i rametti di rosmarino, le foglie di alloro e tutte le altre spezie e cuocete su fuoco moto basso per circa 5 minuti, mescolando spesso.
Una volta passato il tempo necessario, togliete il rosmarino e l’alloro e buttateli via.
Preriscaldate il forno a 200°.
Mescolate i 3 cucchiai di farina di ceci con 9 cucchiai di acqua calda. Mettete da parte.

Versate in una ciotola capiente il riso, la cipolla, la scorza di limone, condite con sale, pepe, peperoncino e la salsa di soya, quindi frullate fino a ottenere una crema molto liscia e senza grumi (se fosse troppo densa per frullarsi bene, aggiungete qualche cucchiaio di acqua od olio). Aggiungete il misto di frutta oleosa, mescolate bene, assaggiate e se risulta poco condito, aggiungete un altro pizzico di sale e pepe. Aggiungete la farina di ceci e mescolate bene.
Preparate uno stampo da plumcake, rivestendolo con carta da forno e ungendolo con olio. Versate sul fondo la frutta secca reidratata, irroratela con 3 cucchiai di acqua, quindi versate l’impasto – è importante metterlo a strati, livellando con il dorso di un cucchiaio ogni parte. Coprite lo stampo con carta da forno e cuocete per 45 minuti, quindi togliete la carta e cuocete per altri 15 minuti. Fatelo freddare, meglio se una notte intera, quindi servite così com’è o con la vostra salsa preferita.

Arrosto 7

Polpettoncini con zucca e funghi

Mini polpettoni 9

Chiamata a tutti gli amanti della zucca (potete leggerne di più qui) e dei funghi: se fino a ora li avete consumati solo con il risotto, la pasta o la zuppa, dovete al più presto preparare questi mini polpettoni! Per realizzarli avrete bisogno di una semplicissima base di fagioli bianchi che, come nel polpettone con pera che vi ho presentato lo scorso inverno, li rende non soltanto molto “burrosi” e cremosi ma anche  gluten – free. Inoltre, l’impasto per questi polpettoncini si fa quasi da sè – in una pentola si cuociono i fagioli con funghi secchi, in forno si arrostisce la zucca, dopodiché non resta che soffriggere un po’ di cipolla e lavorare tutti gli ingredienti con un frullatore a immersione.
Seguite quindi tutti i passaggi indicati sotto, e vi garantisco che riuscirete a stupire anche i più schizzinosi intenditori dei polpettoni! 

Ingredienti per 12 polpettoncini:
2 bicchieri di fagioli bianchi, lasciati in ammollo per una notte intera 
2 foglie d’alloro 
1 bicchiere di funghi secchi, lasciati in ammollo per una notte intera 
1 bicchiere di purée di zucca arrosto 
2 grandi cipolle dorate
½ bicchiere di cavolo nero, a julienne

4 – 6 cucchiai di farina di avena o fiocchi di avena macinati 
1 spicchio d’aglio 
2 cucchiaini di maggiorana essiccata 
1 cucchiaino di timo essiccato 
½ cucchiaino di salvia essiccata 
½ cucchiaino di noce moscata 
4 cucchiai di salsa di soya 
sale e pepe qb 
100 ml di olio 

Per decorare: 
frutta secca (mirtilli, albicocche, prugne, ecc) 
foglie d’alloro  

Procedimento: 
Sciacquate e scolate i fagioli. Aggiungete le foglie d’alloro e i funghi insieme all’acqua in cui hanno riposato durante la notte, e versate 3 bicchieri di acqua.  Cuocete per circa 40 – 60 minuti o finché i fagioli non saranno ben morbidi. 
Tagliate la zucca a cubetti e infornatela a 200° per circa 45 – 60 minuti o fino a quando non si dorerà leggermente. Una volta cotta, lavoratela con un frullatore a immersione fino a ottenere una purea liscia.  
Preparate nel frattempo la cipolla: scaldate bene una padella antiaderente, versateci l’olio e aggiungete la cipolla tagliata a listarelle. Abbassate il fuoco al minino e soffrigetela  fino a quando non diventa trasparente. Aggiungete il cavolo nero e fatelo stufare per 5 minuti.
Preriscaldate il forno a 180°. Togliete le foglie d’alloro dai fagioli e buttatele via. Versate tutti gli ingredienti in una ciotola capiente, quindi frullateli fino a ottenere una crema liscia. Assaggiate e, se ce ne sarà bisogno, ricondite con sale e pepe.  
Preparate uno stampo per muffin: potete ungerlo con olio e spolverarlo con pan grattato oppure usare pirottini di carta. Disponete l’impasto dei polpettoncini nello stampo, in ognuno mettete un po’ di frutta secca o qualche foglia d’alloro, e infornate per 25 – 30 minuti fino a quando non saranno leggermente dorati.  

Mini polpettoni 10

Muffins di miglio con porri e mandorle

Mini polpettoni 2

Vi ricordate la ricetta per il polpettone di cannellini con pera e arachidi che ho postato quest’inverno? Se l’avete preparato e vi è piaciuto tanto quanto a me, ho una buona notizia: il meglio deve ancora venire!

L’impasto di questi mini polpettoni vel. muffins sarà uno dei migliori che voi abbiate mai mangiato. Si gusta ancor meglio con qualche scaglia di mandorla leggermente tostata: presentato così va servito come antipasto; va benissimo sia da solo sia su una bruschetta.

I polpettoni tradizionali vanno di solito cotti in stampi rettangolari oppure in teglie per il pane, ma stavolta li inforneremo in uno stampo per i muffin. Otterrete così mini poltettoni che si cuoceranno più velocemente e si raffredderanno molto prima di quelli tradizionali. Saranno più carini se prima di infornarli li decorerete con qualche mirtillo esiccato e rosmarino: viste le festività nei giorni a venire, ci può essere un’idea migliore di preparare un antipasto così carino senza grandi sforzi?

Ingredienti:
2 bicchieri di miglio cotto
3 porri (solo parte bianca)
3 cucchiai di olio
¾ di bicchiere di mandorle
½ – ¾ di bicchiere di latte di mandorle
2 cucchiai di salsa di soya

1 cucchiaino di  buccia di limone grattuggiata
un pizzico di noce moscata grattuggiata
¼ di cucchiaino di peperoncino
sale e pepe macinato al momento qb

Per decorare:
qualche rametto di rosmarino fresco
mirtilli essiccati
olio EVO
mandorle in scaglie

Procedimento:
Su una padella antiaderente tostate le mandorle fino a quando non diventano leggermente dorate (attenti a non bruciarle!). Una volta raffreddate, macinatele in un tritatutto fino a ottenere una farina grossolana.
Su un’altra padella scaldate leggermente l’olio. Tagliate i porri a rondelle e soffriggeteli fino a quando non diventano trasparenti. Aggiungete il latte di mandorle e fate cuocere il tutto per 2 – 3 minuti sul fuoco basso fino a quando non si riduce.
Mettete nel contenitore del vostro frullatore a immersione i porri cotti nel latte insieme al miglio, le mandorle tritate, la salsa di soya, la noce moscata, il peperoncino, quindi rendete in purea fino a ottenere una salsa liscia. Qualora risultasse troppo asciutta, aggiungete pian piano qualche altro cucchiaio di latte di mandorle. Aggiustate di sale e pepe macinato al momento.
Preriscaldate il forno a 180 gradi. Preparate lo stampo per muffin: potete ungerli con olio e spolverarli con pan grattato oppure usare pirottini di carta. Disponete l’impasto dei polpettoncini nello stampo, in ognuno mettete qualche mirtillo e un rametto di rosmarino, e infornate per 25 – 30 minuti fino a quando non saranno leggermente dorati.
Servite con scaglie di mandorle leggermente tostate e un filo di buon olio di oliva.

Mini patties 1

Flan con peperoni e fave

WP_002064

È un piatto colorato ed estivo che scompare appena messo sul piatto, può essere mangiato sia a pranzo che a cena, servito durante un party con gli amici oppure portato a una gita fuori porta. Se posso darvi un tip, servitelo con un po’ di olio extra vergine e una semplice insalata.
Gli ingredienti principali di questo flan sono le fave, i peperoni grigliati e il timo fresco. Per la base va usata pasta frolla salata ma in alternativa, per risparmiare tempo, si può utilizzare la pasta brisé, la quale darà un tocco di leggerezza a questo piatto. Il tutto viene ricoperto con panna di soia e mandorle affettate e, una volta preparato, potrà essere riscaldato o congelato.

Ingredienti per la base:
1 ½ bicchiere di farina integrale
5 cucchiaini di margarina vegetale
6 cucchiai di acqua
3 cucchiai di pangrattato
½ cucchiaino di cumino
½ cucchiaino di coriandolo
½ cucchiaino di curcuma
sale qb
olio o margarina per imburrare la tortiera

Ingredienti per il ripieno:
2 peperoni rossi grigliati e spellati
3 cucchiai di olio
1 tazza da the di fave cotte
1 cipolla
3 funghi champinion
2 carote
125 ml di panna di soia
3 cucchiai di semolino
30 gr di mandorle affettate (o pinoli)
½ tazza da the di foglie di timo fresco
peperoncino qb
sale qb
pepe qb
paprika dolce qb

Procedimento per la frolla:
Settacciate la farina con il sale e le spezie, quindi aggiungete la margarina sciolta insieme all’acqua. Impastate il tutto fino a ottenere una pasta liscia, quindi riponetela in frigo per almeno 30 minuti.

Procedimento per il ripieno:
Lavate i peperoni, tagliate ognuno in 4 pezzi, privateli dei semi, spolverateli di sale e pepe e mescolateli con 1 cucchiaio di olio, quindi posizionateli sulla carta stagnola e metteteli a grigliare in forno ventilato a 200 gradi per 15 minuti (fino a quando la loro buccia non diventia scura). Quando saranno pronti,sbucciateli e tagliateli a dadini.

Cuocete le fave nell’acqua salata e quando saranno morbide mettetele da parte.
Rosolate la cipolla con 2 cucchiai di olio, aggiungete le carote, soffriggete per 5 circa minuti, quindi aggiungete i funghi e cuocete il tutto (nel caso che le verdure si asciugassero troppo bisogna aggiungere un po’ di acqua).
Mescolate la panna di soia con semolino, peperoncino, pepe, sale e timo, conservandone una dose per la decorazione finale.
Mescolate insieme peperoni tagliati a cubetti, fave e altre verdure, spolverando abbondantemente con peperoncino, sale, pepe e paprika dolce.
Trascorso il tempo di riposo della pasta, stendete la base di frolla salata in una teglia da crostata oliata e spoverata con pangrattato, bucherellatela con una forchetta quindi coprire con un foglio di carta da forno appesantita da fagioli secchi e procedere con la cottura in bianco a 190°C per circa 15 minuti. Trascorso questo tempo, eliminate la carta e  i fagioli e cuocete ancora il guscio di frolla per altri 5 – 10 minuti abbassando la temperatura del forno a 175° C. Versate il composto di verdure e coprire con la miscela di panna di soia, terminando con le mandorle affettate. Riponete il faln nel forno a 175°C per circa 20 – 25 minuti. Una volta cotto, lasciatelo riposare almeno 10 – 15 minuti prima di servirlo.