Tag: pasta

Elogio alla semplicità: hummus

hummusbase

Hummus, ovvero una pietanza dalle origini libanesi, molto diffusa nel Medio Oriente, oggi è conosciuto in tutto il mondo, soprattutto grazie alla cucina vegana e vegetariana. Se la vostra dispensa dispone di una scatoletta di ceci e di una manciata di semi di sesamo, vale la pena prepararlo.
Quando leggerete la ricetta, vi accorgerete che oltre ai ceci è necessario disporre anche della tahina, ossia pasta di semi di sesamo tostati. Non vi scoraggiate subito, la potete preparare facilmente a casa. Basta tostare una manciata di semi di sesamo su una padella antiaderente, farli freddare, mescolarli con 3 cucchiai di olio di buona qualità e quindi aggiungeteli ai restanti ingredienti dell’hummus e procedete come indicato sotto.

Ma ricordatevi – per preparare un hummus perfetto il segreto sta nella giusta quantità della tahina e nell’uso dell’acqua gelida. 

Ingredienti:
1 bicchiere di ceci secchi
2 cucchiaini di bicarbonato di sodio
¾ di bicchiere di tahina
spremuta di ½ limone
½  bicchiere di acqua gelida
1 spicchio d’aglio
½ cucchiaino di semi di cumino
¼ di cucchiaino di peperoncino frantumato
sale qb

Procedimento:
Un giorno prima di preparare il vostro hummus, ricoprite i ceci secchi con acqua fredda mescolata con 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio (quantità di acqua deve essere pari al doppio di volume dei ceci), quindi lasciate per una notte intera. 

La mattina succesiva, scolate e risciacquate i ceci – dovreste ottenerne 2 bicchieri. Il passo seguente è quello di ricoprirli di nuvovo con abbondante acqua e bicarbonato di sodio rimanente, quindi farli cuocere per 40 minuti. Quando saranno morbidi, scolateli e risciacquate nuovamente.
Tostate leggermente i semi di cumino su una padella antiaderente (attenti a non bruciarli), quindi pestateli in un mortaio fino a quando non diventano polvere.
Versate nel bicchiere del frullatore a immersione i ceci, la tahina, la spremuta di limone, l’acqua, l’aglio, il cumino, il peperoncino e il sale quindi frullate fino a ottenere una crema molto liscia. Se risulta troppo asciutta o ci sono ancora grumi, aggiuntete qualche goccio d’acqua e continuate a frullare fino a ottenere la consistenza giusta.

A casa mia l’hummus va mangiato con del pane, un po’ di peperoncino, pepe macinato al momento oppure semi di papavero, ma vi potete sbizzarrire e servitelo con delle verdure che vi piacciono (per esempio l’avocado, la rucola oppure gli spinaci freschi).

hummuspapaveroavocado

Crostata al cioccolato con mirtilli

crostataalcacaoemirtilli-768x1024

Provate questa base al cioccolato per i dolci: è davvero facile e veloce nella preparazione e questa ricetta può essere utile per fare altre torte, magari con un ripieno diverso (penso che vada benissimo anche la crema di mascarpone vegano). Io per la mia crostata ho scelto la panna cotta vegana e mirtilli. La base non viene né troppo dura, né si sbriciola o rompe mentre viene tagliata. E la cosa più importante è che i suoi bordi non cadono durante la cottura.
La panna cotta è uno di quei dolci che i vegani devono preparare da soli a casa, oppure rinunciarci del tutto visto che in tutti i ristoranti viene preparata con una base di panna e gelatina. Fortunatamente, la mia oltre a essere davvero buona è anche semplice. Per prepararla ci vuole soltanto il vostro latte vegetale preferito, la panna di cocco e l’agar-agar.

Ingredienti per la base:
290 gr di farina
60 gr di cacao amaro in polvere
130 gr di margarina vegetale od olio di cocco solido
6 cucchiai di zucchero a velo
1 bustina di vanillina
1 cucchiaino di lievito in polvere
1 pizzico di sale
1/4 di tazza di latte vegetale

 

Ingredienti per la panna cotta:
250 gr di latte vegetale
1 scatoletta di latte di cocco, raffreddato per 24 ore in frigo
7 cucchiai di zucchero a velo
1 bustina di vanillina
cucchiaini di agar-agar

Procedimento per la base:
Preiscaldate il forno a 180°.  Preparate una tortiera dal diametro di 26 cm spruzzandola con olio vegetale e ricoprendola con la carta da forno.
Settacciate la farina insieme al cacao, aggiungete la vanillina, lo zucchero, il lievito in polvere, e il sale. Tagliate la margarina a dadini e passateli nella farina fino a ottenere una consistenza sbriciolata.
Incorporate gradualmente il latte e impastate con le mani fino ad ottenere un impasto omogeneo e lasciate riposare in frigo per 1 ora.
Stendete l´impasto con un mattarello inserendolo tra 2 fogli di carta da forno. Una volta steso, tirate via con attenzione il foglio sopra, avvolgete l’impasto intorno al mattarello e srotolatelo sulla tortiera. Premete con delicatezza sia sulla base sia sui bordi della tortiera. Mettete il tutto nel frigo per qualche minuto, quindi fate dei bucchettini con una forchetta e infornate per 30 – 40 minuti circa.

Procedimento per la panna cotta:
Aprite la scatoletta con il latte di cocco raffreddato precedentemente e dividete la parte densa da quella liquida. Mescolate la parte grassa, ovvero la panna, con 2 – 3 cucchiai di zucchero a velo e frullate insieme fino a quando non diventa densa.
Scaldate sul fuoco moderato il latte vegetale, aggiungendo lo zucchero restante e la vanillina, quindi la panna. Quando inizia a bollire, togliete il tegame dal fuoco, aggiungete l’agar-agar e mescolate veloce con una frusta, dopodiché mettetelo di nuovo sul fuoco e mescolate delicatamente. Quando rinizia a bollire toglietelo dal fuoco e versatelo in un recipiente freddo, cercando di raffreddare la panna cotta velocemente (potete inserire il recipiente nell’acqua con il ghiaccio, mescolando di tanto in tanto).
Quando la base della crostata è fredda, versateci la panna cotta e mettete la crostata nel frigo per farla addensare per bene.
Quando la crema sarà quasi densa, ma ancora leggermente morbida, cospargete sopra la vostra frutta preferita (io ho usato i mirtilli) e rimettete nuovamente nel frigo. Servitela la vostra crostata spolverata con lo zucchero grezzo a velo.

crostataalcacao

Spaghetti al pesto di avocado

Spaghetti al pesto di avocado

Questo piatto è semplice e facile da preparare. Solitamente lo si mangia caldo, ma in estate è buonissimo come insalata di pasta fredda, sostituendo gli spaghetti  con le penne integrali.

Al pesto di avocado si può aggiungere un po’ di peperoncino verde piccante o di peperoncino rosso essiccato. Invece il basilico può essere sostituito con il prezzemolo e il lime con il limone.

 

Ingredienti  per  2 persone:
160 gr di pasta (per esempio spaghetti o linguine, meglio se integrali)

1 avocado
1/2 spicco d’aglio
2 cucchiai di succo di lime e un pizzico della sua buccia grattugiata
un pezzetto di peperoncino verde
1 mazzetto di basilico o coriandolo fresco
una manciata di spinaci freschi

2 cucchiai di pinoli
2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
sale qb
pepeqb
6 pomodorini tagliati a metà per decorare i piatti alla fine

Procedimento:
Mettere la pasta in una pentola con dell’acqua bollente e salata e cuocerla al dente. Nel frattempo preparare il pesto.
Pelare e tagliare a cubetti l’avocado, metterlo nel frullatore con aglio, lime, buccia grattugiata del lime, peperoncino, basilico, spinaci tagliati a striscioline, pinoli, olio, spezie e frullare il tutto fino ad ottenere una mousse omogenea.
Scolare la pasta, metterla nuovamente nella pentola di cottura e mescolare delicatamente col pesto e i pomodorini tagliati. Servire tutto con del pepe macinato al momento ed un filo d’olio extra vergine d’oliva.