Tag: avocado

Frullato verde con ortiche, avocado e spirulina

10308345_791885307496360_5959552303214901516_n

Questa ricetta fa per tutti coloro a cui piacerebbe preparare una colazione o una merenda semplice ma super salutare. Il procedimento non è difficile – basta che vi muniate di un mazzetto di ortiche, spinaci o bietole, qualche frutto dolce, avocado, e datteri e, in 15 minuti, vi potrete preparare una bevanda piena di salute. Questo frullato, pur essendo ricchissimo di verdure a foglia verde, non è assolutamente aspro, fidatevi! Grazie all’utilizzo di mele dolci e datteri il suo gusto è pericolosamente piacevole…
Io stessa lo preparo di solito il sabato (ossia il giorno in cui vado a fare la spesa al mercatino locale) al posto del pranzo, perché è davvero nutriente e mi fa sentire soddisfatta per tutto il giorno, per non parlare dei benefici che apporta all’organismo. Come l’ultimo tocco, aggiungo un cucchiaino di spirulina, ossia la microalga considerata uno dei superfoods o, meglio, cibi del futuro, per via delle sue proprietà fitonutritive. È particolarmente consigliata a chi segue l’alimentazione vegan in quanto è composta nel 65% di proteine e contiene un elevata quantità di ferro e vitamine idrosolubili, tra cui la B12. Oltre a ciò, è ricca di clorofilla, rame, magnesio, potassio, zinco e tanti altri minerali, il che fa sì che il suo utilizzo terapeutico venga consigliato per prevenire i tumori, l’invecchiamento precoce, per non parlare del suo potere antiossidante. Chi fosse affetto però da problemi alla tirode, è meglio che la consumi con moderazione per via dell’iodio in essa contenuto.

Ingredienti per 2 persone:
1 mazzetto di ortiche
1 mazzetto di bietole
3 mele dolci
½ limone
1 avocado
4 datteri messi a mollo una notte prima (o di meno se non sono troppo asciutti)
1 cucchiaino di spirulina

Procedimento:
Centrigugate le ortiche e bietole insieme alle mele e il limone (se preferite, potere frullarli anziché centrifugarli ma otterrete una quantità veramente maggiore rispetto alla bevanda). Una volta pronto il centrifugato, frullatelo insieme all’avocado, i datteri, e la spirulina dopodiché condividete questa divina bevanda con chi volete bene.

Insalata di verdure arrosto al limone

Insalataverdurearrosto5

Vi capita spesso di pensare come fare per consumare con gusto più verdure quotidianamente? Bisogna per forza mangiare insalate fredde o minestroni che richiedono una lunga cottura? Se la sera vi piacerebbe fare una cena leggera ma soddisfacente, prima di tornare a casa passate a un mercatino o al supermercato e scegliete 3 – 4 tipi di verdure che più vi piacciono in modo tale da prepararvi in una mezz’ora una deliziosa insalata di verdure arrosto.
La cottura al forno dei vegetali fa si che quest’ultimi sprigionano un gusto e profumo molto particolari, diventando ancora più gustosi. Proprio per questo consiglio questo tipo di insalate a chi le verdure non piacciono moltissimo: diverse prove fatte sui miei amici hanno dimostrato che chi era abbastanza ostile nei loro confonti, ha cambiato opinione!
Per realizzare questa ricetta, oltre ai vegetali, avrete bisogno anche di una porzione di cereali che vi piacciono: ovviamente io scelgo il miglio, ma lo può benissimo essere il riso, la quinoa o magari il grano saraceno.
L’insalata di verdure arrosto di oggi è davvero universale, in quanto va bene sia per il pranzo che per la cena, è leggermente dolce grazie alle carote, croccante grazie ai ravanelli e sa di agrumi. La potete mangiare ancora calda accompagnata dal dip a base di avocado, ma va anche bene il giorno dopo quando è già fredda.

Ingredienti per 2 porzioni dell’insalata:
2 carote
1 broccolo piccolo
½ di limone bio tagliato a fettine sottili
1 mazzetto di ravanelli
1 bicchiere di miglio (o altri cereali)
2 cucchiai di olio
sale rosa qb
pepe macinato al momento qb

Ingredienti per la salsa di avocado:
1 avocado
2 cucchiai di anacardi messi ammollo per un paio d’ore
1 cucchiaio di prezzemolo fresco
1 spicchio d’aglio
1 cucchiaio di succo di limone
peperoncino e sale qb

Procedimento per la salsa di avocado:
Mettete tutti gli ingredienti in contenitore di un robot da cucina e frullate fino a ottenere una salsa omogenea.

Procedimento per il miglio:
Prima di tutto lavatelo molto bene con l’acqua fredda. Dopo 2 – 3 lavaggi scolatelo accuratamente, poi mettetelo in una pentola e tostatelo leggermente (attenti a non bruciarlo). Nel frattempo fate bollire l’acqua per la sua cottura (il doppio come volume del miglio). Quando l’acqua è bollente, versatela nella pentola in cui è stato tostato il miglio e portatelo a ebollizione a fiamma alta. Una volta raggiunta l’ebollizione, abbassate la fiamma, salate e lasciate cuocere a fuoco lento, coperto per 10 – 15 minuti circa senza girarlo (controllando di tanto in tanto che non manchi acqua).
Se voleste saltare la fase della tostatura, cuocete il cereale con il doppio di acqua fredda, sempre coperto e sempre per 10- 15 minuti. In ambedue i casi, a fine cottura il liquido si assorbirà del tutto.

Procedimento per l’insalata:
Quando il miglio si starà cuocendo, lavate e pelate le carote, tagliatele quindi in striscioline né troppo fini né troppo spesse. Lavate i broccoli e divideteli in rosette, quindi tagliatele a fettine della stessa dimensione delle carote. Prendete una pirofila da forno, posizionatevi le verdure, e poi spolveratele con sale e pepe e cospargete con dell’olio. Mescolatele bene con le mani in modo tale che le spezie si distribuiscono accuratamente sopra. Infornate le verdure per 15 minuti a 200 gradi, dopodiché giratele e distribuite sopra le fettine di limone, quindi lasciatele arrostire per altri 15 minuti.

Lavate e tagliate finemente i ravanelli, quindi metteteli da parte. Quando le altre verdure e il miglio sono pronti, mescolateli delicatamente insieme e servite con la salsa di avocado.

Insalataverdurearrosto2

Questa ricetta partecipa al 100% Vegetal Monday, organizzato da La Cucina della Capra. Il suo obiettivo è simile al famoso Meat free Monday, ove lo scopo è cominciare la settimana con dei prodotti vegetali e ridurre l’uso della carne e di prodotti animali in generale.

100-veg-monday

Insalata di miglio con zucchine grigliate

Insalata di miglio e zucchine

Con il caldo di questi giorni, volevo proporvi una freschissima insalata estiva a base di miglio, zucchine grigliate e avocado, rinfrescata da una vinaigrette allo sciroppo d’acero e lime. Da non dimenticare di servire con erba cipollina e menta fresca.
Il miglio, alimento conosciutissimo dai vegani e consigliato ai non, è tra i cereali più ricchi di sali minerali, vitamina A ed acido salicilico per tanto il suo utilizzo porta benefici a chi ha problemi di capelli, unghie, pelle e smalto dei denti. Contiene inoltre calcio, fosforo, potassio, magnesio, ferro, lecitina e colina. È  un cereale privo di glutine e quindi indicato ai celiaci, oltre ad avere proprietà diuretiche, antianemiche ed energizzanti.

Il miglio, prima della cottura, va lavato con acqua fredda, quindi ricoperto con una quantità di acqua pari al doppio del suo volume e cotto a fiamma alta. Una volta raggiunta l’ebollizione, il miglio ha bisogno di circa 20 minuti di cottura per essere pronto (senza essere mescolato).

 Insalata di miglio ingredienti

Ingredienti, per 2 persone:
140 gr di miglio
circa un bicchiere di acqua o di brodo vegetale
2 zucchine
2 cucchiai di olio extravergine
una manciata di rucola o di spinaci
1 avocado
una manciata di foglie di menta, tagliate minuziosamente
4 cucchiai di erba cipollina
sale e pepe qb
peperoncino qb

Vinaigrette allo sciroppo d’acero e lime:
2 cucchiai di succo di lime + 1 cucchiaio di scorza
5 cucchiai di olio extravergine
2 cucchiai di sciroppo d’acero
piccolospiccod’aglio
saleqb
pepe macinato al momento

Grattuggiate l’aglio, spolveratelo con un po’ sale in una ciotolina. Aggiungete lo sciroppo d’acero, il succo di lime e la sua scorza, il sale, pepe e l’olio mescolando il tutto.

Procedimento per il miglio:
Lavate il miglio, quindi mettetelo in una pentola e ricopritelo con dell’acqua o brodo vegetale e cuocete per 15- 20 minuti (dovrebbe assorbire tutto il liquido). Aggiungete un po’ di sale e pepe.
Tagliate le zucchine a fettine sottili, e poi con un pizzico di sale e mettete il tutto su una teglia e grigliate per 7 – 10 minuti, dopodichè giratele e spruzzate con dell’olio d’oliva e così per altri 7 minuti.
Sbucciate l’avocado e tagliatelo a cubetti, quindi irrorate con del succo di limone.
Mescolate il miglio con la rucola o gli spinaci, aggiungete le zucchine grigliate, l’avocado, la menta e l’erba cipollina e mescolate il tutto con la vinaigrette allo sciroppo d’acero. Servite con dei pezzetti di lime. 

Insalata di miglio e zucchine

 

Elogio alla semplicità: hummus

hummusbase

Hummus, ovvero una pietanza dalle origini libanesi, molto diffusa nel Medio Oriente, oggi è conosciuto in tutto il mondo, soprattutto grazie alla cucina vegana e vegetariana. Se la vostra dispensa dispone di una scatoletta di ceci e di una manciata di semi di sesamo, vale la pena prepararlo.
Quando leggerete la ricetta, vi accorgerete che oltre ai ceci è necessario disporre anche della tahina, ossia pasta di semi di sesamo tostati. Non vi scoraggiate subito, la potete preparare facilmente a casa. Basta tostare una manciata di semi di sesamo su una padella antiaderente, farli freddare, mescolarli con 3 cucchiai di olio di buona qualità e quindi aggiungeteli ai restanti ingredienti dell’hummus e procedete come indicato sotto.

Ma ricordatevi – per preparare un hummus perfetto il segreto sta nella giusta quantità della tahina e nell’uso dell’acqua gelida. 

Ingredienti:
1 bicchiere di ceci secchi
2 cucchiaini di bicarbonato di sodio
¾ di bicchiere di tahina
spremuta di ½ limone
½  bicchiere di acqua gelida
1 spicchio d’aglio
½ cucchiaino di semi di cumino
¼ di cucchiaino di peperoncino frantumato
sale qb

Procedimento:
Un giorno prima di preparare il vostro hummus, ricoprite i ceci secchi con acqua fredda mescolata con 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio (quantità di acqua deve essere pari al doppio di volume dei ceci), quindi lasciate per una notte intera. 

La mattina succesiva, scolate e risciacquate i ceci – dovreste ottenerne 2 bicchieri. Il passo seguente è quello di ricoprirli di nuvovo con abbondante acqua e bicarbonato di sodio rimanente, quindi farli cuocere per 40 minuti. Quando saranno morbidi, scolateli e risciacquate nuovamente.
Tostate leggermente i semi di cumino su una padella antiaderente (attenti a non bruciarli), quindi pestateli in un mortaio fino a quando non diventano polvere.
Versate nel bicchiere del frullatore a immersione i ceci, la tahina, la spremuta di limone, l’acqua, l’aglio, il cumino, il peperoncino e il sale quindi frullate fino a ottenere una crema molto liscia. Se risulta troppo asciutta o ci sono ancora grumi, aggiuntete qualche goccio d’acqua e continuate a frullare fino a ottenere la consistenza giusta.

A casa mia l’hummus va mangiato con del pane, un po’ di peperoncino, pepe macinato al momento oppure semi di papavero, ma vi potete sbizzarrire e servitelo con delle verdure che vi piacciono (per esempio l’avocado, la rucola oppure gli spinaci freschi).

hummuspapaveroavocado

Carpaccio di pesche con dressing al papavero

CArpaccio pesche

Pesca, avocado, mandorle e melograno serviti sulle foglie di un mix di spinaci e rucola, irrorati con una vinaigrette al papavero: è una proposta di antipasto o merenda con pezzetti di pane abbrustolito. Va preparata senza sale né pepe.

L’avocado può essere tagliato a fettine e disposto sul piatto da portata, oppure tagliato a cubetti (come è possibile vedere nella foto). Tutto va irrorato con una semplice vinaigrette al limone e papavero.

Ingredienti per 2 persone:
pesca, tagliata a fettine sottili
½ avocado, sbucciato e tagliato a cubetti  o fettine
melograno
una manciata di spinaci
una manciata di rucola
mandorle affettate qb
papavero qb
cucchiai do olio extra vergine
succo di limone qb

Procedimento:
Disponete spinaci e rucola sui piatti da portata, mettete sopra le fettine di pesca, avocado, quindi una manciata di mandorle affettate. Tagliate in due melograno ed estraetene i chicchi, e poi metteteli sui piatti.
Preparate la vinegraitte: mescolate con una forchetta olio con il succo di limone e papavero, quindi versate sopra il carpaccio. Se vi sembra poco dolce, potete aggiungerci sciroppo d’acero. 

Carpaccio di pesche

carpacciodipesche